Giavellotto

Lancio del giavellotto

 

I primi dati storici dell’esistenza del giavellotto ci provengono dai graffiti, raffiguranti scene di caccia e di guerra, scolpiti milioni da fa sulle rocce dell’Africa. Negli scritti di Senofonte, allievo di Socrate, si legge che nell’antica Grecia il lancio del giavellotto era una delle specialita’ atletiche più considerate.
Presso i popoli celtici rivestiva una particolare importanza il “geso” (dal latino gaesum), un’antica asta pesante da lancio, simile al giavellotto, formato da una sottile barra di ferro dolce, lunga da un metro e quaranta ai due metri; il lancio dei gaesa avveniva durante l’assalto, prima del combattimento corpo a corpo. Dal gaesa prese il nome la caratteristica casta guerriera dei gaesati (letteralmente “portatori di gaesum”). Durante il III secolo il geso fu un’arma molto popolare nell’Europa Centro-Occidentale, e venne utilizzata dalle popolazioni della Penisola Iberica, dai Galli, dai Celti, dai Britanni e dai Reti. Poi entro’ nell’armamentario dell’esercito romano, dove era anche conosciuto col nome di soliferrum.

L’Associazione Culturale Tre Draghi vi attendono col loro legionario-bersaglio per mettere alla prova la vostra abilita’, forza e precisione nel lancio del GIAVELLOTTO!!!

I commenti sono chiusi